Critique | Claire Murphy, 'Eccu Induve Sò'

South Tipperary Arts Center, 3 lugliu - 21 aostu 2021

Claire Murphy, Untitled II, 2020, Hahnemuhle Photo Rag on Dibond, ed. 1/3, 70x50cm, per cortesia di l'artista. Claire Murphy, Untitled II, 2020, Hahnemuhle Photo Rag on Dibond, ed. 1/3, 70x50cm, per cortesia di l'artista.

U titulu di L'esposizione di Claire Murphy, 'Here Is Where I Am', à South Tipperary Arts Center suggerisce una accettazione sia di u presente sia di esse presente.

17 fotografie di quattru dimensioni diverse (chì và da 70x50cm à 50x40cm) sia in u ritrattu sia in l'orientazione di u paisaghju sò affissate intornu à i muri à bassu tettu di u spaziu di a galeria. I pezzi sò stampati nantu à Hahnemuhle Photo Rag nantu à un supportu Dibond è anu una superficie secca per elli. L'imaghjini sò sparati nantu à un film di 35 mm è conservanu un naturalisimu è una dulcezza per mezu di stu mezu. L'opere sò tutte 'Senza Titulu' è numerate individualmente I - XVII, l'artistu ùn offre micca una guida descrittiva, suggerendu chì l'òpere sò parti uguali di un inseme.

Tematicamente, questu tuttu hè basatu sia nantu à esse presente sia essendu un pocu chjusu in una zona geografica specifica durante un periodu di tempu micca divulgatu. Impressiunisticamente individualmente, e opere si custruiscenu per furmà inseme un puntu di vista cullettivu. U sughjettu hè una casa, l'elementi domestichi in ella - vita di famiglia, cibu, tavuli di travagliu - è dopu l'esternu, una foresta spessa verde è una zona di prati. 

Benchì ùn ci sia alcuna riferenza evidente à i blocchi COVID-19 in e immagini, a raccoglimu da l'infurmazioni di a galleria furnite. Salienti ancu à stu riguardu sò duie immagini chì implicanu un zitellu chjucu, l'arrivu recente di u quale hè ancu annunziatu in e note di a galleria. Dunque, ci sò essenzialmente dui blocchi impegnati in stu travagliu; i chjusi publichi chì u paese è u mondu anu affruntatu durante l'ultimi 18 mesi, è u periodu di chjusura privata per qualsiasi genitori mentre accodanu u so novu arrivu. Questi dui eventi sò coinciditi temporaneamente, è avà si spartenu in u corpu presentatu di travagliu.

U sensu di a rimozione da u mondu di u ghjornu hè suggeritu da alcuni effetti di distanzamentu in e immagini. Murphy rinfresca alcuni (inclusi Sans titre II) sparendu da l'esternu attraversu i quadri di a finestra o di a porta in una cucina o una sala, attirendu l'attenzione nantu à u so statutu d'osservatore. E linee verticali è orizzontali in e immagini includenu i sughjetti. Noi cun Murphy sembremu esse furesteri. Tuttavia, unu vuleria nutà ancu quì l'idea alleata di prutezzione. In parechje di e immagini, in particulare quelle esterne à a casa, vedemu di novu e verticali, di arburi, fogliame fitte è ancu una riva orizontale di nebbia in un campu, chì sembranu tutti un pocu impenetrabili. E fotografie suggerenu chì ci hè una struttura protettiva naturale intornu à a casa, una barriera à u mondu esternu - sia prutezzione, sicurezza, è à u so estremu, una prigione benigna.

U spettatore cerca altre narrazioni è imagineghja una favula chì hè intrecciata - di una grande pesta, un zitellu chjucu chì nasce, è una famiglia chì si trasferisce in una casa in a furesta. Hè fantasia? Malgradu i troppi cinematichi di un omu chì leghje una storia à u so zitellu (Sans titre XV), una figura chì cammina in silenziu in i boschi, una falena morta è i colpi di frutti troppu maturi? Probabilmente, una tale lettura hè una cunfusione. Stu travagliu tende versu l'urdinariu dumèsticu è cutidianu, à u quale u pueta Eavan Boland lamentò "ùn pudia esse fatta nisuna rivendicazione visiunaria".

U bloccu ci hà obligatu à tutti à esse più prisenti. Cù i viaghji ridotti, a nostra sfera geografica hè ridutta, è questu hà lucalizatu a nostra capacità di perseguite i nostri interessi. L'imaghjini di Murphy riflettenu l'aspettu di l'infurzazione publica di u lockdown è a scelta persunale di u genitore per esse presente per un zitellu. Questu crea un dilemma di sorte per Murphy è per qualsiasi fotògrafu, chì per esse presente ci vole à participà à u mumentu. A fotocamera funge da barriera à questu, un strumentu di mediazione - apparentemente un'interferenza in cui a documentazione prende a precedenza di ciò chì hè documentatu. 

Ma si pò sempre allungà questu è vede a fotocamera cum'è parte di l'attu di "esse presente". U prucessu di documentazione pò esse naturalmente parte di ciò chì face una famiglia, solu cum'è manghjà o andà à spassighjà. In sta seria fotografica, Murphy cerca di mantene u rolu designatu esternu di artista / osservatore, tenendu ancu à l'aspettu participante / sughjettu, integrendu a fotocamera è u prucessu fotograficu in a so vita di famiglia.

Brendan Maher hè direttore artisticu di u Source Arts Center in Thurles, County Tipperary.

thesourceartscentre.ie