Critique | 'U sguardu maternu'

Museu Irlandese d'Arte Moderna, 9 di Marzu - 8 d'Agostu 2021

Domnick Sorace, The Maternal Gaze: Grandparents u ghjornu di u so matrimoniu, per cortesia di IMMA. Domnick Sorace, The Maternal Gaze: Grandparents u ghjornu di u so matrimoniu, per cortesia di IMMA.

L'invucazione di George Floyd di a so mamma in i ultimi mumenti di a so vita hà purtatu rinuvanza à i racconti cunnisciuti nantu à l'ultime parolle di suldati chì morenu, è di i moribondi in generale. Qualunque sia a ragione per chì questa pò esse a nostra tendenza, ci sò poche parolle cum’è cumbugliu cum’è «mamma». Tutti ùn ne anu una in a so vita, micca tutte e mamme sò una forza pusitiva, ma hè qualcosa chì a maggior parte di noi avemu in cumunu. 

Cum'è u prugettu quinquennale di IMMA dedicatu à l'opere in prestitu di Lucian Freud cunclude, dui ritratti di a so mamma Lucie sò presentati per a nostra cuntemplazione, in dialogu cù i quadri di Chantal Joffe. 'The Maternal Gaze' hè una presentazione in linea cunnessa, cumposta da 22 brevi video è film chì dirigenu dinò a nostra attenzione à questu sughjettu. 

Formanu un patchwork diversu di riflessioni nantu à cume e figure materne, cumprese e nonne, anu influenzatu a vita è u travagliu di i so discendenti creativi. L'artisti cuntributori sò stati scelti da i membri di a squadra di Engagement Visuale di IMMA, di u so prugramma Studio 10, è di u cullettivu di i migranti, Art Nomad. 

E reminiscenze nantu à l'attività ligata à u tessile sperimentata in casa - uncinettu, maglia, ricami, sarture è imbottiture - intrecciate e testimunianze inseme trà e culture è u tempu. Patchwork hè celebratu in u tributu di Brigid McClean à a so minnanna, Maggie Gillespie da Donegal. I so ricordi si mischjanu cun quelli racontati da a so mamma, a più chjuca di l'ondeci figlioli di Maggie. 

Pettinendu i capelli bianchi d'argentu di a so nonna inculcati in McClean un amore per i fili. Si piatta accantu à una trapunta Maggie cucita inseme à a fine di parechji ghjorni duri di travagliu, è rivestita di resti di vechji vestiti di travagliu. McClean hà compiu studii copiosi di inchiostru per ritruvà e decisioni pigliate in a creazione di i so pezzi floreali è a so struttura geometrica. Mostra segni di usura, è pensa à riparalla cù filu d'oru. Parlendu tranquillamente nantu à cumu porta a so minnana in u so core, emette un picculu suspiru di ricordu chì, cum'è l'altri momenti incontrati in a serie, trasmette eloquentemente un sensu di perdita.

In cuntrastu à l'informalità di a maiò parte, u cortu di Chris Jones hè un sonu meticulosu è un montaghju di visione ancoratu da u so poema, U Buddha Verde. Da un ricordu di zitillina di abbandunà è rompi una statuetta apprezzata da a so mamma, evoca un ritrattu di una vita chì hà spartutu sperienze cù generazioni di giovani emigranti irlandesi: u trambustu di u centru di Manhattan, stallà a casa in Queens, visità Coney Island, spedisce u turchinu buste di posta aerea in casa. Si chjude cù una foto di a so mamma, prima di u matrimoniu, prima di i genitori, testa lanciata ind'un momentu spensieratu di gioia. 

A "nostalgia di Jones per un locu chì ùn mi ne ricordu" risuona in parechje storie raccontate, nantu à riunioni in club suciali, vestiti preziosi, balli è musica. Un impulse à a gratitudine hè catturatu da u core di ringraziu di Joe Odiboh, natu in Nigeria, à a so mamma, Theresa, per a suffrenza ch'ella hà purtatu per ellu, per averle curatu mentre era malatu, per avè assicuratu chì hà ricevutu a migliore scola, perchè li hà furnitu finanziarii sustegnu. Si cunfessa à un periudu di quasi scurdassi di ella, finu à chì una visita hà purtatu l'amore inundatu. "Se morgu è rinasceraghju", dichjara, "vogliu sempre vultà è esse u to figliolu".

Roxana Manouchehri, da l'Iran, ricorda trè occasioni in cui ella è a so mamma sò state cummossi da e so sperienze cumune cum'è donne per versà e lacrime: una quandu Zohreh sustene a so decisione di dumandà à l'università d'arte, l'altra quandu, assai più tardi, hà compru à a so mamma una rigalu di una classa di pittura, è un terzu quandu hè stata liberata da a prigiò, essendu stata accusata di ùn avè micca coperto adeguatamente i so capelli. 

I strati di film di Amna Walayat, nata in Pakistan, sunanu cù un'immagine ferma è in muvimentu per gode di i ghjuvelli d'oru artigianali trasmessi da a so mamma per a so dota. Ella conta storie fantastiche, ancu tramandate, di u matrimoniu di u so arcibabbone cù una orsa; di una zia "cusì bella, fragile è trasparente" chì quandu beia, a ghjente pudia vede l'acqua passà per a so gola. Dopu avè cresciutu in una casa creativa, Walayat vede u perfezziunisimu incessante di a so mamma riflessu in a precisione di a so pittura in miniatura.

Maggie, Theresa, Zohreh, Ellen, Margaret, Johanna, Martha, Rachele. A presenza di figure materne, chjamate è senza nome, hè ricustituita cummuvente attraversu stu prugramma. Vivendu fermu, o cunservatu in memoria, a so influenza ferma, disseminendu à a cumunità più larga per mezu di l'arte.

Susan Campbell hè un scrittore indipendente d'arte visuale è ricercatore.