Prufilu di l'esposizione | Cunsequenze di a lingua

Rod Stoneman riflette nantu à "Mountain Language" à u Galway Arts Centre.

Ailbhe Ní Bhriain, Iscrizioni IV, 2020, fotografie è opere scultoree, vista di l'installazione; fotografia di Tom Flanagan, cortesia di l'artista è Galway Arts Centre. Ailbhe Ní Bhriain, Iscrizioni IV, 2020, fotografie è opere scultoree, vista di l'installazione; fotografia di Tom Flanagan, cortesia di l'artista è Galway Arts Centre.

Dèyè mòn gen mòn / Al di là di e muntagne, ci sò più muntagne...

- Pruverbiu criolu haitianu

A mostra di gruppu, "Mountain Language" à u Galway Arts Center (4 di ferraghju -  16 d'aprile), piglia u so titulu da una corta dramma chì Harold Pinter hà scrittu in u 1988 dopu un viaghju in Turchia cù Arthur Miller. U so puntu di partenza, l'oppressione incessante di a minurità kurda da u statu turcu, una seria di sceni strazianti segue un gruppu di prigiuneri in un paese senza nome è esplora u cuntrollu di a lingua cum'è un mecanismu di duminazione.¹

Stòricamente, stu focusu nantu à a cunsiquenza di a lingua ci ricorda i dibattiti critichi chì circundanu a "pulitica di rapprisintazioni" in l'anni 1960 è 70, argumenti è teorii nantu à i modi chì i sistemi di lingua è di l'imaghjini ci mantenenu, ci ponenu, è in parte generanu a nostra identità. . U novu direttore di GAC, Megs Morley, hà fattu una mostra chì face un viaghju à traversu a galeria per capisce cumu e lingue, visuale è verbale, facenu significatu suciale. "Mountain Language" suggerisce versioni di a relazione di un passatu cuntestatu à e pussibulità di u presente, è a custruzzione di futuri diversi. 

A cuntribuzione di Sarah Pierce hè chjave per a mostra in tuttu; un assemblea attornu à tematiche di storia è di putenza, custruitu da i materiali scartati di a ristrutturazione di GAC è l'assemblea di l'esibizioni. Cuntinueghja l'esplorazione di l'artista in scena dipinti culligamentu à u travagliu di Alice Milligan è Maud Gonne; i temi di a scrittura di Milligan in Sguardi di Erin (1888) reinventatu in tableaux vivants (imaghjini viventi) - ibridi pulitichi di teatru è arte pittorica, ideati da l'indomitable Milligan durante u Rinascimentu Culturale Irlandese. 

À l'inaugurazione di l'esibizione, in modu abbastanza adattatu, Hildegarde Naughton (Fine Gael TD per Galway West) hà fattu un passu ligeru à traversu l'assemblea appena prima chì a rappresentazione in scena si facia di trè donne chì colpivanu pose drammatiche è facenu gesti ambigui. L'opera di Pierce mette in discussione e delineazioni trà l'ordine è u disordine è re-imagina un rolu di l'artista in a storia. Cum'è in l'esposizione IMMA 2015, "L'artista è u Statu", ella invoca El Lissitzky è una tradizione di u Modernismu radicale, cunghjunta cù i débris di cornici di legnu è di carta fracassate. Ci hè un prughjettu di u presente, chì implica a memoria cù u corpu è u gestu, è chì vede a prisenza articulata di e donne in a storia di u futuru. Intantu, un Union Jack arruffatu è scartatu si trova trà i detritus. 

L'immagine sorprendente di una faccia di Ailbhe Ní Bhriain, Sans titre (adversaire) (2020), hè custituitu da ritratti sovrapposti generati da l'IA chì eccu u prucessu di l'apprendimentu automaticu mentre evoluzione novi identità - una indicazione inquietante di i mezi digitali per riconfigurate. U so travagliu circunda a quistione di  "Slipperness in a rapprisintazioni è cumu custruemu u significatu - in questu i modi in quale, culturalmente, u significatu hè custruitu per noi".1565 E so mostre recenti utilizanu u titulu di u testu di u XNUMX, èbbuca or Tituli di u Teatru Immensu - u primu manuale d'istruzzioni per a creazione di cullezzione privata è musei - stabilisce una basa per cullà l'uggetti chì rinforza l'ipotesi imperiali occidentali, quì disturbatu da a mostra di Ní Bhriain di oggetti delicati è squisitamente posti, cumminendu naturali, geologichi è archeologichi. Ci hè una rima visuale cù l'uggetti votivi d'Alice Rekab, affissati cum'è parte di una stallazione cumplessa, cumpresu un cortu filmu, chì mostra e superfici tattili di a terra è l'estrazione è a sfruttamentu di materiali da questu. 

A ricerca è a teoria ùn sò micca troppu luntanu; i libri è pamphlets disposti nantu à una tavola adiacente da a finestra di a galleria puntanu apertamente à a custellazione di pensamentu è di discorsu chì circunda l'esposizione. Puderanu ricurdà una di a bibliografia di testi teorichi chì Pier Paolo Pasolini dissimulò in i credits finali di u so famusu ultimu filmu, Salò, o 120 ghjorni di Sodoma (1975). Hè una indicazione di e cunnessione di e opere d'arte individuali è di l'esposizione in tuttu cù altri mondi d'idee è parolle - chì ponu esse chjamati a so "intertextualità".

Ci hè una prisenza significativa di film in a mostra. Forse questu hè in relazione cù a pratica vibrante di Morley cum'è cineasta, o un signalamentu di un impurtante allentamentu di i roli demarcati di curatore è artista in l'istituzioni di l'industria di l'arti. di Duncan Campbell U Benessere di Tomás Ó Hallissy (2016) hè un mockumentary chì utilizeghja a rievocazione per offre una critica di a misrepresentazione di a cultura chì sparisce di l'ouest di l'Irlanda, descritta cum'è "un mondu chì si more lentamente". Una sequenza cù un squalo elefante invoca u documentale di 1934 di Robert Flaherty, Omu d'Aran, è sminuisce l'usu abituale di l'archiviu cum'è una "avvutazione di a verità". Cum'è u filmu rende chjaru, "u modu chì a ghjente si prisenta ùn hè micca a realità". 

Soot Breath / Corpus Infinitum (2020), di Denise Ferreira da Silva è Arjuna Neuman, hè un filmu "dedicatu à a tenerezza". Impiega un ambiziosu rimproveru à a « fuliggine nera » d’un mondu culpèvule, induve una sensibilità radicale si batta à esce da sente, pensendu, toccu a pelle è a terra. A viulenza di un sistema ecunomicu chì custruisce cunfini contr'à a migrazione, mentre chì crea una devastazione ecologica irreversibile per via di a minera è di l'estrazione, hè interrugata da forme di cunnessione, intimità è empatia. Invece di disprezzu è di depressione, u film offre rotte per a nova subjectività. Cum'è Annie Fletcher suggerì, à u lanciamentu di a mostra, pò esse un muvimentu generazionale in quale u rolu di l'artista cum'è criticu, disruptore è attaccante di l'attualità cambia in una adopzione di pratiche transdisciplinari, per andà assai oltre a negazione è a resistenza, rimpiazzà a denuncia una ricerca di lingue chì implicanu novi forme d'amore, di parentela, di cunnessione è di tenerezza.

"Mountain Language" hè una mostra ambiziosa chì dumanda à u spettatore di paragunà è associà e cunnessione è e divergenze di i modi di pensamentu artisticu chì, di manera diversa, cuntestanu i discorsi dominanti. Cum'è u rumanzista francese Michel Butor hà descrittu una volta: "Questu hè u sistema di significati in quale simu tenuti in a vita di ogni ghjornu è in quale simu persi". 

Rod Stoneman era un Deputy Commissioning Editor in Channel 4 in l'anni 1980, CEO di l'Irish Film Board in l'anni 1990 è un prufessore emeritu in NUIG dopu avè stabilitu a Huston School of Film & Digital Media. Hà fattu parechji documentarii è scrittu una quantità di libri, cumpresu "Vede è crede: a pulitica di u visuale".

Notes: 

¹ In 1996, Lingua di muntagna duverebbe esse interpretatu da attori kurdi di a cumpagnia Yeni Yasam in Haringey in u Nordu di Londra. L'attori anu ottenutu pistole di plastica è uniformi militari per a prova, ma un observatore preoccupatu hà avvistatu a polizia, chì hà purtatu à una intervenzione cù circa 50 agenti di polizia è un elicotteru. L'attori kurdi sò stati arrestati è pruibiti di parlà in a lingua kurda. Dopu à pocu tempu, a pulizza hà capitu ch'elli sò stati infurmati di un spettaculu di teatru è permettenu à u ghjocu per andà avanti.

² Mine Kaplangı, 'Intervista: Ailbhe Ní Bhriain', Artfrigo, 14 aprile 2020, artfridge.de