Prufilu di l'esposizione | Storie chì piglianu forma

Darren Caffrey cunsidereghja e mostre attuali in VISUAL Carlow.

Tom dePaor, 'I see Earth', 2022, vista d'installazione, VISUAL; fotografia di Ros Kavanagh, cortesia di l'artista, a Fundazione di Architettura Irlandese, è VISUAL. Tom dePaor, 'I see Earth', 2022, vista d'installazione, VISUAL; fotografia di Ros Kavanagh, cortesia di l'artista, a Fundazione di Architettura Irlandese, è VISUAL.

Trè installazioni dinamichi cuntinuà à VISUAL, Carlow, finu à u 22 di maghju. "I see Earth" hè una mostra cumulativa di opere di u famosu architettu irlandese, Tom dePaor. Fighjendu in daretu à alcuni di i prughjetti celebrati di dePaor in l'ultime trè decennii, pudemu vede u so modu di soluzioni creative è apprezzazione precisa per i dettagli. Cù un catalogu chì include l'elegante è funziunale Pálás Cinema in Galway, è più cumissioni tempuranee, cum'è a so struttura di briquette di torba per u Padiglione Irlandese à a 12a Biennale Internaziunale di Architettura in Venezia, u filmu d'accumpagnamentu di l'artista è cullaburatore longu, Peter Maybury. , hè una risorsa ricca. À esse quì (2022) riflette nantu à i quaderni, e fotografie è i filmati di dePaor in azione, mentre chì quattru pezze di roccia, furnite cum'è sedie, suggerenu trampolini. Sia u filmu sia i posti si sentenu naturali, cù u cuntenutu è u cuntestu ognunu risoltu per adattà à a forma è u caratteru di u travagliu di DePaor.

Una stallazione multimediale epica è immersiva occupa a grande sala, cù Nathalie Weadick di a Fundazione Irlandese di l'Architettura chì ricunfigura una selezzione di opere di DePaor. Dui proiezioni video à grande scala ghjucanu nantu à i muri opposti cum'è un diorama di strutture di filu di filu pende o si trova in verticale, tagliendu l'imaghjini prughjettate è rende queste forme ligere solu parzialmente visibili. Ciascunu si dice chì hè modellatu nantu à u mudellu tradiziunale di Willow Pattern blu è biancu per a ceramica, anche si sta riferenza hè forse più di un puntu di partenza. U finitu dipintu à manu hè perfettamente cumpresu, ma in questu ambientu atmosfericu cambiante, l'illustrazione orientale familiare ùn pò micca esse tradutta cumplettamente. I finestri bluccati significanu chì l'unica luce coherente vene da dui travi in ​​croce blu neon appesi in u centru di u spaziu. Questu rende l'aquarelle di DePaor difficili da apprezzà mentre chì u puema in prosa chì hè appiccicatu à u muru è traccia tuttu u percorsu intornu à u spaziu hè rinfurzatu da a messa in scena. Tiratu da i scambii radio di un cosmonauta sovieticu chì rientra in l'atmosfera di a terra, precedente, dopu (2022) offre una narrativa pulsante in prima persona. Quandu hà dumandatu ciò chì puderia vede da a so nave spaziale, Yuri Gagarin hà rispostu: "Vecu a Terra" - e so parolle sò elaborate quì per furmà una storia supranaturale ma micca menu umana nantu à l'interazzione cù u spaziu.

In a galleria adiacente, sustinutu da una funzione d'acqua permanente all'aperto, u travagliu di Christopher Steenson hè presentatu sottu u tìtulu "Soft Rains Will Come" - una previsione meteorologica chì hè sustinuta da fotografie di marshlands è di paesaggi inundati diversamente. Ciascuna di queste stampe incorniciate hè appesa di fronte à un arrangiamentu di dodici radii transistor, creendu una installazione di sonu spaziale chì combina radiu in onda corta in diretta è registrazioni di campu per trasmette una trasmissione in diretta in u spaziu di a galeria. 

Quistioni nantu à cumu scontru u paisaghju è a tecnulugia sò toccu quì - è ancu a nostra relazione per riceve è distingue l'intelligenza in e rete attive. Quandu una voce femina entra in u mischju, speculendu nantu à e cause di una catastrofa, a voce pare più cunsciente ch'è a ficzioni suppone. Questu aspettu offrittu da l'oraculu hè distintu da a chiacchierata di e registrazioni truvate è mette in risaltu u travagliu cum'è una forma di narrazione. Ingaghjendu l'incidentu cum'è una caratteristica di l'impurtante, a trasmissione di radiu cumunica in modu efficace l'apocalisse da una distanza relativamente sicura, cum'è s'ellu hè digià accadutu. Facendu riferimentu à l'entropia è a cumunicazione digitale falluta, Steenson si dumanda ciò chì significa obsolescenza in u cuntestu di u cambiamentu recurrente. U so usu di a camera per sparte un sguardu contemplativu ci urdineghja ancu à vede di novu cum'è ci dumandamu nantu à queste imagine Lovecraftiane di boglands irlandesi. 

Ci hè più fantasia è miti Centu Passi (2020), una installazione cinematografica di Bárbara Wagner è Benjamin de Burca, co-cumissionata da VISUAL è Manifesta 13. U filmu unicu-canale è u tappettu stampatu sò stati mostrati per a prima volta in Marsiglia in 2020. Dopu à u so premier irlandese à VISUAL, Centu Passi farà un tour in i posti in tuttu u paese durante i prossimi 18 mesi. Eseguitu in dui lochi, è presentatu cum'è dui capituli distinti ma currispundenti, u filmu di 30 minuti hè spartutu trà edifici storichi in Irlanda è Francia - un palazzu coloniale anglo-irlandese di u XVIIu seculu, è un palazzu di u XIXesimu seculu in Marsiglia - tutti dui. aperti à u publicu cum'è musei d'arti decorativi.

U filmu principia cù una vittura chì tira fora. Un omu è una zitella entra in a casa per una visita guidata, prima chì a zitella, alluntanendusi da a presa di l'omu, esce per un vaghjime. Prestu trova una casa di bambola in miniatura è un lettu induve dorme per sognu, a camera ci trascina à traversu i cordi di una arpa in piedi. In tutte e stanze di e duie case, i visitori si rivelanu cum'è artisti. In Marseglia, induve l'omi si mettenu à tavula à ghjucà à una manu di carte prima di piglià a so tamburinu, ci hè una allusione à i famosi dipinti di carte di Paul Cézanne, ma ci hè ancu un patrimoniu musicale specificu chì traversa ogni inquadramentu eurocentrista. Quandu in un corridoiu, scuntràmu un ballerino solitario chì cammina cù ritmu è scopu, diventa chjaru chì l'interpretazione di sti spazii hè di memoria viva, ancu quandu i narrazioni precedenti fermanu prisenti.

À l'intérieur des murs de chaque cadre muséologique richement conservé, les traditions culturelles s'élancent et s'élancent autour de réalités coloniales communes, offrant des racines qui, bien qu'étant transitoires, sont tout aussi établies, sinon plus. Présenté à côté de la série documentaire de Bob Quinn, Atlantide - a prima trasmissione in Irlanda in u 1984 è pusendu ligami trà e culture di l'Africa di u Nordu è celti attraversu e pratiche populari cum'è u cantu è u ballu - Centu Passi aghjunghje solu à a storia.

Darren Caffrey hè un artista chì vive è travaglia in Kilkenny.