Critique | 'Una conversazione seguita, nimu hà dettu una parolla'

Colin Darke è Yvonne Kennan, Belfast Exposed, 5-28 August 2021

Colin Darke, 20a maghjina [ditagliu], 'Una conversazione seguita, nimu hà dettu una parolla', 2021; fotografia per cortesia di l'artista è Belfast Exposed. Colin Darke, 20a maghjina [ditagliu], 'Una conversazione seguita, nimu hà dettu una parolla', 2021; fotografia per cortesia di l'artista è Belfast Exposed.

'Una conversazione seguita, nimu hà dettu una parolla' hè simultaneamente simplice è cumplessu in cuncettu, cù l'artisti Colin Darke è Yvonne Kennan chì utilizanu e fotografie per avè una discussione di sorte attraversu i muri di u spaziu di a galeria di u primu pianu di Belfast Exposed, piglienduli per turnu di presentà una fotografia in risposta à a precedente. Ognunu leggermente più grande di una cartolina, principalmente orientata à u paisaghju cù l'interruzzione occasionale di u ritrattu, una visualizazione lineare di serpenti intornu à u spaziu di mostra. Questa hè una presentazione ingannevule simplice chì merita un sughjornu prolongatu in a galeria chì ultimamente premia u spettatore.

Senza nisuna indicazione nantu à quale artista inizia sta "cunversazione", u spettatore pò cumincià à tracciare l'opere esposte, cercendu fili visivi trà e immagini in a ricerca di un tipu di narrativa. Sapemu chì tali narrazioni esistenu ma ùn sò micca cusì facilmente estratti da l'opere. U librettu d'accumpagnamentu di a galeria suggerisce chì questu hè una discussione sfumata è ludica trà dui artisti ben letti è sapienti, chì face riferenza à i scritti di Brecht, Barthes è Kafka, l'arte di Joseph Kosuth, Louis le Brocquy è Man Ray, a musica di Tom Aspetta è Genesi, è i filmi di Sergei Eisenstein è Steven Spielberg. Quantu sì tali referenze aiutanu à guidà o impediscenu u spettatore hè discutibile. A cunniscenza cù tali riferimenti offre pani di capiscitura chì aiutanu l'interpretazione di sta cunversazione; Mentre per altri spettatori, ponu agisce potenzialmente cum'è una barriera à a ricerca di cunnessioni definitive trà opere.

À u primu, i telespettatori si ponu truvà attirati da maghjine specifiche: una coppia di tazze rosse muschiate; una mosca domestica attraversu un gradiente silenziato; un pennellu equilibratu delicatamente nantu à una stagnata di vernice; una statua di a Vergine Maria faccia in ghjò in cima à un spechju; una bicicletta scartata cù a so rota anteriore in fiamma. Ci sò parechje fotografie affascinanti in mostra quì - da a cumpusizione sofisticata à l'umoristica è l'assurda - a so scala intima chì ci invita più vicinu à rivelà più picculi dettagli chì ci permettenu di stabilisce cunnessioni tentative.

Dopu un primu passaghju iniziale, si puderebbe cumincià à vede l'esposizione in coppiu, postu chì i ligami trà l'imaghjini affissate fiancu à fiancu cumincianu à esce: una maghjina di duie fotografie si trova accantu à un'altra di una maghjina digitale nantu à un schermu iPhone; un accunciamentu di un collage di piastrelle hè riplicatu cù libri; u stagnone di vernice sopra menzionatu hè seguitu da una culletta di vernice bianca; è un'altra coppia d'imagine trova piacè in l'ombre intricciate create da l'uggetti attraversu e superfici bianche.

L'accoppiamenti impurtanti includenu una fotografia di una donna (presumibilmente Kennan) di notte, appena visibile in l'immagine, cù a tonalità d'oru di un lampione chì sanguina in a bughjura da u latu drittu di u quadru. Questu hè seguitu da una fotografia di un coppiu d'occhiali da sole, una lente di i quali hè stata coperta in foglia d'oru, in una replica umoristica è pensativa di a paleta di culori di l'immagine precedente.

Mentre tali accoppiamenti si complementanu, l'altri si ponenu in cuntrastu strettu. Foglie d’autunnu nantu à un pavimentu, vibranti in i so marroni, dorati, aranci è ruggine, pusanu accantu à un celu turchinu brillanti è un arburu magnificu, i so boccioli in traccia di fiorisce à u principiu di a primavera. Forse tali cuntrasti indicanu differenze d'opinione trà i dui artisti, dendu stonde di tensione trà a so armunia generale.

U spettatore pò certamente truvà piacè in questi cuntrasti è cunnessioni; in ogni casu, mi dumandu se i sottili indizi visivi è i punti di riferimentu di l'artisti mantenenu in definitiva a comprensione definitiva fora di a nostra portata? Appena cume si principia à seguità un filu, o à cunghjuntà qualchì cunnessione visuale o tematica, a cunversazione piglia un girottu è simu di novu in perdita, strambi à truvà significatu. Questu hè ancu parte di u divertimentu di a mostra; i telespettatori sò sfidati à tracciare i scambii trà Darke è Kennan è falsificà e so interpretazioni. Quelli chì cunnoscenu i scritti di Brecht - chì hè citatu cum'è puntu di riferimentu in u testu di a mostra - ponu esse 

particularmente reattivu à u rolu di u spettatore quì. In u teatru epicu brechtianu, ci hè un accentu nantu à a prospettiva, l'interazione è a reazione di u publicu à l'opera, è dunque ci hè una implicazione chì entrambi l'artisti stendenu st'invitu à u spettatore, chì diventa u terzu integrante in sta conversazione chì si sviluppa.

Ben Crothers hè u curatore / Manager di e cullezzione à a Naughton Gallery, Queen's University Belfast.